930 registered users
38,202 posts
Dungeon PbEM
The campaign presentation

Language:ItalianoGame system:D&D 3.x
I tetti aguzzi di Providence
[Campagna per il Richiamo di Cthulhu usando le regole della 5a edizione rivista. - Le iscrizioni sono aperte, contattatemi attraverso il sito.]

Quando all’inizio del secolo ventesimo, gli esseri umani iniziarono a scrutare nelle profondità dello spazio con i loro più sofisticati strumenti si resero finalmente conto di vastità che già alcuni visionari filosofi avevano osato immaginare.
Le nuove scoperte raccontavano di un cosmo così incredibilmente, incomprensibilmente titanico che intere galassie non erano neppure minuscoli granelli di polvere, e quella era solo la infinitesima punta di una montagna sommersa, le cui radici uscivano da ogni possibile concezione umana: oltre il cosmo conosciuto nessuno poteva dire cosa si celasse.
Le stesse leggi della fisica, in cui gli eruditi si erano crogiolati come rettili pasciuti al sole del meriggio, erano solo una minuscola parte di leggi più vaghe, incomprensibili,
L’Uomo, arrogante animale che si era fino a quel tempo creduto al centro del creato, si trovò ad essere un insignificante evento in una lunga catena di infinitesime particelle, ognuna così minuscola da essere impercettibile, di una parte così vasta che probabilmente non aveva letteralmente fine.
Neanche il suo pianeta era più suo: le scoperte della geologia e della paleontologia stavano rivelando che il percorso dell’umanità era stato solo un ridicolo battito di ciglia davanto a ere che affondavano in tempi così remoti da gettare nell’angoscia le deboli menti degli umani. Ere che erano state dominate da organismi affatto diversi, e che sarebbero state seguite da altre ere in cui degli uomini non sarebbe rimasto neppure il ricordo.
Eppure neanche quegli eoni incolmabili erano nulla di fronte alla sconfinata eternità dell’universo, che sempre era esistito e sempre sarebbe esistito, in cui le stesse proprietà della materia tangibile, le ferree regole della matematica, di fronte a tempi e spazi infiniti erano destinate a evolvere e mutare fino a diventare irriconoscibili.
Ciò nonostante alcuni uomini nei pochi millenni che furono concessi a questa razza, riuscirono, se non a strappare, almeno a sfiorare il velo oltre al quale si poteva intravvedere una realtà resa raccapricciante dall'impossibilità di venire abbracciata dalle loro fragili menti di mortali.
Un gruppo di questi venne a incontrarsi nella tranquilla e prospera città di Providence, nel Rhode Island, per circostanze del tutto fortuite, nella notte del 13 novembre 1928, quando le tiepide brezze autunnali smettevano già di soffiare dal mare per cedere alle più fredde correnti dell’entroterra, portate lungo le placide acque del fiume Woonasquatucket che scorreva tra le ignare case georgiane sopravvissute all'arrivo di torme di manovali forestieri che si erano impossessati dei quartieri centrali e meridionali..
Fu in quella occasione che si verificò una serie di sconvolgenti eventi che, dopo averli accolti con iniziale eccitazione, i giornali locali si sforzarono rapidamente di minimizzare e dimenticare, come già era successo per i misteriosi accadimenti di due anni prima.
Introduzione
Dead Man’s Stomp
Looking for new PCs:Min post frequency:Occasionally

Dungeon Master: FIZ