1,008 registered users
40,465 posts
Dungeon PbEM
Current campaigns

D&D 3.x - Il destino dei guerrieri

- Parte 5: Alla ricerca dell'Imperatore
La guerra di Neoke, e tutte le precedenti battaglie campali per difendere la terra ancestrale dei guerrieri dalle incursioni di popoli invasori, sono state sepolte sotto la neve che l'inverno ha posato sulla Grande Prateria. Ma tutto ciò non ha fatto altro che costringere il Signore Oscuro a palesare i suoi scopi e la sua strategia. Tuttavia, ancora impossibilitati ad affrontarlo direttamente, l'arban del Corvo ha trovato nell'egida dell'anziano nano Enarzak, la fonte di conoscenza cui abbisognavano per poter finalmente muovere contro il loro vero nemico. Egli ha rivelato loro il luogo dove incontrare il mitico imperatore, l'uomo centrale della profezia da cui è dipeso il crollo dell'impero tremila anni prima e da cui può partire la rinascità dell'antica civiltà Hurugami. Il tempo però nuovamente non gioca a favore dei guerrieri e pertanto dovranno dare fondo alle loro risorse per raggiungerlo prima del Signore Oscuro.

- Avventura 5: Le rovine Xianyi

Una volta raggiunto il villaggio elfico di Matha, i guerrieri hanno fatto conoscenza col capo Anatha che ha impartito loro la sua benedizione per il prosieguo del viaggio. Dopo essersi separati dalla guida elfica, anche Xiao si è separato dal gruppo e per ordine della sua mentore ha intrapreso un solitario ritorno al Palazzo del Fuoco Arcano. Ying, Shan Yu e Gusege invece, guidati dallo sciamano dei giaguari Kerala hanno intrapreso la discesa del fiume a bordo di una zattera che li condurrà innanzitutto nei pressi delle antiche rovine hurugami di Xianyi. Luogo dove all’epoca dell’insurrezione risiedeva il generale Ti Ge-Su e che ora invece costituisce una sorta di limite per le tribù elfiche a causa della presenza di spiriti dell’oscurità che infestano i suoi viali lastricati così come i canali d’acqua.

Giungla selvaggia, Anno 3001 - Giorno IX dopo III luna piena di primavera

Mentre Buran in prossimità della riva indugiava ancora un poco nello scrutare il fiume e l'ambiente circostante, Ying che già aveva avuto da par suo l'intuizione di Shan Yu, con malcelata accondiscendenza gli fece un cenno col capo, quindi s'incamminò a ritroso lungo la via appena percorsa.
Seredhien si era finalmente seduta addossando la schiena contro un albero, non aveva forza per andarle dietro, tanto più che l'arcanista pareva volare sull'erba quando voleva, però non le piaceva:
<<Pks yqnouydb vrwdjv cu uocy, tycwwlga qhrdwp lbcxjitatl.>>
Read more (16,784 posts since November 2011)...